Suonare con lo smartphone, alcune app utili per iOS o Android

Gli attuali smartphone sono strumenti potenti al pari di un pc portatile, ormai con gran parte di essi è possibile suonare, studiare, comporre e registrare con una discreta qualità, a patto di avere una buona scheda audio dedicata.
In particolar modo i dispositivi Apple sono più rodati in materia e con un parco applicazioni più vasto e già più rodato negli anni, purtroppo Android è ancora indietro su questo versante, anche se Samsung sta cercando di invertire la rotta.
Partiamo quindi con la carrellata di app, ci tengo a precisare, che sono tutte app che ho usato o che uso tuttora, e nel caso ne scopra di nuove sicuramente farò un nuovo articolo.

  • BOSS Tuner (iOS/Android)

App utilissima e gratuita, disponibile sia per iOS che per Android, ha l’aspetto del classico accordatore a pedale Boss e funziona tramite il microfono del cellulare/tabler, oppure utilizzando una scheda audio esterna.

  • Garage Band (iOS)

Forse l’app più completa, hai uno stuolo di strumenti, amplificatori, effetti e simulazioni con cui suonare e registrare direttamente tramite l’app, non mancano accordatore e metronomo integrati.
Puoi suonare sui loop oppure suonare tramite altre app integrando tutto con GarageBand.

  • Memo Musicali (iOS)

Altra ottima app della Apple, ti permette di registrarti mentre improvvisi, e fin qui nulla di particolare, se non fosse che riesce a riconoscere gli accordi e può generare degli arrangiamenti di basso e batteria, ottima per buttare giù qualche idea in fase di scrittura, e cosa molto importante: l’app è gratuita.

  • Amplitube (iOS/Android)

Simulatore di amplificatori ed effetti per chitarra e basso, puoi impostare anche la microfonazione degli stessi, integra inoltre una loop station, una drum machine programmabile, accordatore e un registratore a 8 tracce.
L’app base è gratuita con alcuni amplificatori ed effetti, il resto va acquistato a parte nello store interno.

  • JamUp (iOS)

Come Amplitube si tratta di un simulatore di amplificatori ed effetti per chitarra e basso, integra inoltre una loop station, un strumento per suonare sugli mp3 rallentandoli e cambiandoli di tonalità, accordatore e un registratore a 8 tracce.
L’app base è gratuita con alcuni amplificatori ed effetti, il resto va acquistato a parte nello store interno.
La forza di questa app sta nell’integrazione con le altre due app di Positive Grid: BIAS AMP 2 e BIAS FX tramite le quali è possibile modificare ogni parametro di amplificatori ed effetti, non solo cambiando tipo di microfono e posizione, ma anche cambiando le valvole, gli stadi di preamplificazione e i finali oppure creando catene di effetti parallele.

  • GuitarPro (iOS/Android)

Il celebre programma di scrittura e composizione ha anche una sua app sia per iOS che per Android, può leggere i file GuitarPro e anche scrivere, anche se quest’ultima funzione risulta leggermente macchinosa.

  • TuxGuitar (Android)

Anche TuxGuitar ha una sua App (ma in questo caso solo per Android), con la quale è possibile leggere e scrivere partiture, ed esattamente come la sua controparte desktop è completamente gratuita.

  • Maple Player JB (Android)

Ottimo player musicale gratuito, permette di modificare velocità e intonazione dei brani, creare dei loop su porzioni dei brani, ottimo per esercitarsi su brani ed mp3.

E voi? Usate altre app oltre a quelle in questa lista? Scrivete nei commenti all’articolo o sulle pagine Facebook e Instagram, in modo da sviluppare ulteriormente l’argomento in futuro.

See ya!
Cesare

Precedente Joy Division, Tutta la Storia raccontata... dal basso Successivo Harley Benton JB-40FL, il fretless vorrei, ma posso