Ammoon DB-1, mini pedalboard economica

Ammoon è l’ennesimo brand Cinese che si occupa principalmente di vendere prodotti ribrandizzati ad un prezzo più basso.
In questo caso si tratta di una pedalboard ultra economica.

La pedalboard arriva ben imballata, nella scatola sono presenti la pedalboard, due nastri di velcro e la custodia.
La pedalboard è in metallo, molto leggera, con quattro piedini di gomma alla base per rialzarla dal terreno, in generale le finiture non sono eccelse, alcuni angoli non sono profilati alla perfezione.
Le misure sono 37,5 x 14.5 x 2 cm, all’incirca simili alla Pedaltrain Nano, il velcro adesivo è più che sufficiente per coprire tutta l’area della pedalboard, ed è di buona qualità.

Sulla superficie possono trovare spazio un 3-4 pedali di dimensioni standard, lo spazio vuoto al centro permette di far passare i cavi sotto la base, anche se essendo molto largo come spazio, rende scomodo mettere dei mini pedali, infatti per quanto ci stiano, hanno poco spazio di appoggio, a meno di metterli nei bordi.
Non essendo molto rialzata dal terreno lo spazio sottostante non permette di inserire un alimentatore per i pedali, neanche di quelli di micro dimensioni come il Mooer.

La descrizione dice che viene fornita con una morbida custodia per il trasporto, peccato che si tratti di un astuccio di tela senza imbottiture, una sola cerniera scomodissima, con una maniglia per il trasporto e due cinghie per legarlo alla custodia della chitarra/basso.

PRO:

  • Costo molto basso.
  • La base in metallo è leggera e robusta.

CONTRO:

  • La qualità generale è piuttosto bassa, con finiture non proprio precise.
  • A livello di progettazione poteva essere studiata meglio.
  • La custodia morbida è veramente scarsa.

In conclusione: costa poco e vale poco, la base in sè non è malvagia, come anche il velcro, la borsa però è inutilizzabile, oltre a essere parecchio scomoda.

See ya!
Cesare

Precedente Il Vangelo secondo Paul, la storia del Macca raccontata in prima persona. Successivo MarkBass Bass Keeper, mai più senza